Giovanni Floris: L’uomo ideale…

Max – Maggio 2003

L’uomo ideale secondo le mamme piace un casino anche alle figlie. Peccato che sia sposato….

Un altro trentenne è possibile. Ce li tengono nascosti, non li fanno arrivare nei posti importanti, li raccontano alla Muccini, cioè vacui, impreparati, completamente idioti e intollerabili, ma i trentenni bravi esistono, eccome. Un esempio è Giovanni Floris.

Etichettato da subito come “l’uomo ideale secondo le mamme”, non si capisce perché non sia mai stato scritto che piace anche alle figlie. Lo facciamo noi, allora.

L’aspetto da bravo ragazzo, forse, coi capelli sempre a posto, i vestiti giusti, gli occhiali alla Willem Dafoe in Mississippi Burning: spiazzante, mica tanto ovvio. Così com’è spiazzante la grinta con cui affronta gli ospiti, senza far sconti a nessuno, senza farsi intimidire.

Viene dalla radio. E da una gavetta come corrispondente negli States, ha fatto una buona scuola di giornalismo e alla spalle si indovina una famiglia che lo ha seguito molto bene: notevole la foto di carnevale in tempi non sospetti come papà mascherato da Giuliano Ferrara e mamma da Lilli Gruber. Così come si indovina, e non solo dal cognome, l’origine sarda: si capisce dall’ironia (e autoironia), pronta e tagliente, fierissima, e dalla solidità della preparazione.

E’ stato definito, per opposizione a Santoro, pacato e imparziale, ma non fatelo incazzare perché poi non le manda a dire, sia con equilibrio e finezza, sia con un’indignazione muy caliente. Hanno ragione allora le mamme: avercelo, ragazze, al fianco, un Floris coraggioso che si batte con tanto generoso ardore e che quando si incazza è ancora meglio… Comunque è già sposato.

diMartedì

- - -

Rivedi le puntate

Quella notte sono io

La prima regola degli Shardana