Ma di chi e’ l’erede Floris?

Radiocorriere – Maggio 2004

“La tv del futuro sarà fatta dal pubblico: siamo passati da quella in cui c’era spazio solo per i volti noti a quella del Grande Fratello, dove le star sono dieci sconosciuti. E si proseguirà sempre di più in questa direzione. La mia prossima rivoluzione sarà far condurre dal pubblico alcuni momenti di Buona Domenica”. Lo annuncia Maurizio Costanzo in un’intervista pubblicata sul nuovo numero del Radiocorriere Tv.

“Bisogna avere il coraggio di rinnovarsi”, dice il conduttore-giornalista, “non puoi proporre sempre la solita minestra”. Quanto al fatto che il Maurizio Costanzo Show in 24 anni ha lanciato diversi talenti e personaggi, aggiunge: “è vero. Riesco a capire se un personaggio può funzionare o meno. E’ successo con Vittorio Sgarbi, Giobbe Covatta, Enzo Iacchetti. Vado a intuito: cerco personaggi nuovi, freschi, vivaci. Inediti. E con un ampio repertorio. Non tutti ce l’hanno, molti si esauriscono presto”.

Di Maria De Filippi, poi, afferma: “I suoi programmi sono tutti belli. C’è posta per te apre la porta ai sentimenti; Uomini e donne consente di immedesimarsi nelle storie degli altri”. E a chi gli chiede cosa ne pensa di chi rivolge critiche alla moglie, Costanzo risponde: “Mi dispiace per loro. Al momento Maria è la più brava. Ed è capace, con Amici, di tirare fuori nuovi talenti. Cosa che i reality show in genere non fanno”.

Infine, una battuta sul Maurizio Costanzo del futuro, sul suo erede professionale: “Non ne vedo”, dice. “Sa com’è. Ho tante giacche, tanti ruoli diversi. Se proprio dovessi fare un nome, ecco, forse Giovanni Floris potrebbe indossare una delle mie giacche. Tra l’altro mi ha confidato che ha deciso di fare questo mestiere vedendo Bontà Loro…”.

diMartedì

- - -

Rivedi le puntate

Quella notte sono io

La prima regola degli Shardana